La religione e il culto dei morti

STORIA LE ANTICHE CIVILT ITALICHE Gli Etruschi QUADERNO p. 181 La religione e il culto dei morti Un aruspice che esamina un fegato. Gli Etruschi erano politeisti. Gli dei più importanti erano Tinia, signore dei cieli; Uni, moglie di Tinia, dea della terra; Menrva, dea della guerra. Gli Etruschi credevano che gli dei decidessero quello che accadeva agli uomini. Per conoscere la volontà degli dei si rivolgevano a dei sacerdoti-indovini: gli auguri, che prevedevano il futuro osservando il volo degli uccelli e i fulmini, e gli aruspici, che studiavano il fegato degli animali uccisi nei sacrifici. In onore degli dei gli Etruschi facevano sacrifici e costruivano templi; qui i sacerdoti-indovini svolgevano le loro attività magiche. I templi erano costruiti su una base rialzata in pietra, così da essere ben visibili. I templi etruschi non si sono conservati perché, a differenza di quelli greci, erano realizzati in materiale deperibile: legno e terracotta. Il tempio per gli Etruschi non era la dimora terrena del dio come per i Greci; così nello stesso tempio si potevano adorare divinità diverse. LE NECROPOLI Gli Etruschi credevano nella vita dopo la morte perciò avevano molta cura nella sepoltura dei defunti. Vicino alle città costruivano necropoli, vere e proprie città dei morti con tombe simili a case. Le tombe etrusche erano di due tipi: a volte erano scavate nella terra (tombe ipogee), altre volte erano costruite in muratura e poi venivano ricoperte di terra (tombe a tumulo ). Erano composte da stanze, corridoi e scale. Le pareti erano affrescate con scene che raffiguravano i momenti più importanti e felici della vita del defunto. Il corpo veniva messo in un sarcofago e accompagnato in corteo fino alla tomba. Accanto al sarcofago venivano posti cibi e bevande, arredi e utensili che potevano servire al defunto nell aldilà. Le strade si incrociavano ad angolo retto CAPISCO E STUDIO USO LE PAROLE CHIAVE Esponi il contenuto del testo utilizzando le seguenti parole chiave: dei auguri aruspici templi necropoli tombe 46

La religione e il culto dei morti