La monarchia

Storia La civiltà Romana Dalle origini alla crisi della Repubblica La monarchia Nei primi due secoli della sua storia, Roma fu una monarchia. Il re veniva scelto tra i membri delle famiglie più potenti della città; era il capo dell’esercito, amministrava la giustizia ed era il sacerdote più importante. Governava insieme al Senato, che era un’assemblea composta da uomini anziani e saggi, di origine nobile. Roma fu governata da re per circa due secoli, ma secondo la leggenda i re di Roma furono solo sette: Romolo, il fondatore che lasciò ai Romani le leggi fondamentali; Numa Pompilio, che favorì l’unione religiosa; Tullo Ostilio e Anco Marzio, che sottomisero alcune popolazioni vicine e allargarono i confini di Roma; Tarquinio Prisco, etrusco, che fece prosciugare la palude della valle e fece costruire le prime fognature e una grande piazza al centro della città chiamata Foro; Servio Tullio, etrusco, che fece costruire la prima cerchia di mura; Tarquinio il Superbo, etrusco, che cercò di rafforzare l’unione tra Etruschi e Latini. Sapevi che… Un’antica leggenda narra che Romolo e suo fratello Remo vennero abbandonati appena nati e furono allattati da una lupa. La lupa è diventata il simbolo di Roma. Le classi sociali La società romana era divisa in due classi: patrizi e plebei. I patrizi erano di origine nobile ed erano ricchi proprietari terrieri. I plebei erano la maggior parte della popolazione. Erano uomini liberi che vivevano del proprio lavoro come contadini, allevatori, artigiani, commercianti. Alcuni plebei, chiamati “clienti”, si mettevano al servizio di una famiglia patrizia in cambio di protezione. C’erano poi gli schiavi, che erano prigionieri di guerra oppure plebei che non erano riusciti a pagare i loro debiti. Gli schiavi potevano riacquistare la libertà pagando al loro padrone una somma di denaro: allora venivano chiamati “liberti”. Senatore romano con la toga, l’abito maschile dei Romani. Capisco e studio Seleziono le informazioni ed espongo Leggi attentamente il testo e sottolinea le informazioni che ti permettono di rispondere alle domande. Utilizza le risposte per esporre. Chi governava Roma all’inizio? In quante classi era divisa la società? Chi erano i patrizi? E i plebei? Chi erano gli schiavi? E i liberti? quaderno pp. 17-18
Storia La civiltà Romana  Dalle origini alla crisi della Repubblica La monarchia Nei primi due secoli della sua storia, Roma fu una monarchia. Il re veniva scelto tra i membri delle famiglie più potenti della città; era il capo dell’esercito, amministrava la giustizia ed era il sacerdote più importante. Governava insieme al Senato, che era un’assemblea composta da uomini anziani e saggi, di origine nobile. Roma fu governata da re per circa due secoli, ma secondo la leggenda i re di Roma furono solo sette:  Romolo, il fondatore che lasciò ai Romani le leggi fondamentali;  Numa Pompilio, che favorì l’unione religiosa;  Tullo Ostilio e Anco Marzio, che sottomisero alcune popolazioni vicine e allargarono i confini di Roma;  Tarquinio Prisco, etrusco, che fece prosciugare la palude della valle e fece costruire le prime fognature e una grande piazza al centro della città chiamata Foro;  Servio Tullio, etrusco, che fece costruire la prima cerchia di mura;  Tarquinio il Superbo, etrusco, che cercò di rafforzare l’unione tra Etruschi e Latini. Sapevi che… Un’antica leggenda narra che Romolo e suo fratello Remo vennero abbandonati appena nati e furono allattati da una lupa. La lupa è diventata il simbolo di Roma. Le classi sociali La società romana era divisa in due classi: patrizi e plebei. I patrizi erano di origine nobile ed erano ricchi proprietari terrieri. I plebei erano la maggior parte della popolazione. Erano uomini liberi che vivevano del proprio lavoro come contadini, allevatori, artigiani, commercianti. Alcuni plebei, chiamati “clienti”, si mettevano al servizio di una famiglia patrizia in cambio di protezione. C’erano poi gli schiavi, che erano prigionieri di guerra oppure plebei che non erano riusciti a pagare i loro debiti. Gli schiavi potevano riacquistare la libertà pagando al loro padrone una somma di denaro: allora venivano chiamati “liberti”. Senatore romano con la toga, l’abito maschile dei Romani. Capisco e studio Seleziono le informazioni ed espongo Leggi attentamente il testo e sottolinea le informazioni che ti permettono di rispondere alle domande. Utilizza le risposte per esporre.  Chi governava Roma all’inizio?  In quante classi era divisa la società?  Chi erano i patrizi? E i plebei?  Chi erano gli schiavi? E i liberti?   quaderno pp. 17-18