La civiltà nuragica

Storia Le antiche civiltà italiche Gli Italici La civiltà nuragica La civiltà nuragica o sarda è una delle più antiche civiltà italiche. Si sviluppò in Sardegna e prende il nome dai nuraghi, edifici che si trovano solo su quest’isola costruiti dagli antichi Sardi. La civiltà nuragica durò più di 1500 anni, tra il XVIII e il III secolo a.C., quando iniziò la conquista dell’isola da parte dei Romani. l Sardi erano principalmente pastori e contadini. Erano anche abili a lavorare il bronzo; alcune statuette da loro prodotte, raffiguranti piccole navi, animali, uomini armati e divinità, sono state ritrovate in varie località del Mediterraneo: ciò dimostra che i Sardi commerciavano con altri popoli. Erano organizzati in tribù e la società era divisa in due classi: quella dei guerrieri, la più importante, e quella dei pastori e contadini. Gli antichi Sardi veneravano gli elementi della natura, come l’acqua, il Sole e la Luna, e gli antenati. Seppellivano i defunti in grandi tombe di pietra; vicino al corpo mettevano un corredo funebre. Capisco e studio organizzo le informazioni Sottolinea con colori diversi, sintetizza e inserisci in una tabella le informazioni che riguardano i seguenti aspetti della civiltà nuragica: attività società religione Poi esponi a voce. Parole per capire tribù: gruppo sociale che condivide lingua, cultura e tradizioni. Il capotribù di Uta. Questa statuetta in bronzo risale al XII-XI secolo a.C. Nuraghi e villaggi nuragici I nuraghi sono edifici di forma circolare, costruiti con pietre di grandi dimensioni, a un solo piano oppure a 2 o 3 piani sovrapposti. La loro altezza va da 3 metri fino a 20-30 metri. Secondo alcuni storici i nuraghi erano fortezze militari, secondo altri abitazioni, secondo altri ancora tombe o luoghi sacri. Probabilmente i nuraghi avevano diverse funzioni. La maggior parte dei nuraghi sono costituiti da una sola torre. Altri invece sono composti da più torri unite fra loro da mura. Nei nuraghi abitavano le persone più importanti e i guerrieri, mentre i pastori e i contadini vivevano in villaggi vicini al nuraghe. In caso di pericolo, i nuraghi diventavano un rifugio per gli abitanti dei villaggi. I resti di un nuraghe. quaderno p. 10

Storia

Le antiche civiltà italiche   Gli Italici

La civiltà nuragica

La civiltà nuragica o sarda è una delle più antiche civiltà italiche. Si sviluppò in Sardegna e prende il nome dai nuraghi, edifici che si trovano solo su quest’isola costruiti dagli antichi Sardi. La civiltà nuragica durò più di 1500 anni, tra il XVIII e il III secolo a.C., quando iniziò la conquista dell’isola da parte dei Romani.

l Sardi erano principalmente pastori e contadini. Erano anche abili a lavorare il bronzo; alcune statuette da loro prodotte, raffiguranti piccole navi, animali, uomini armati e divinità, sono state ritrovate in varie località del Mediterraneo: ciò dimostra che i Sardi commerciavano con altri popoli.

Erano organizzati in tribù e la società era divisa in due classi: quella dei guerrieri, la più importante, e quella dei pastori e contadini.

Gli antichi Sardi veneravano gli elementi della natura, come l’acqua, il Sole e la Luna, e gli antenati. Seppellivano i defunti in grandi tombe di pietra; vicino al corpo mettevano un corredo funebre.

Nuraghi e villaggi nuragici

I nuraghi sono edifici di forma circolare, costruiti con pietre di grandi dimensioni, a un solo piano oppure a 2 o 3 piani sovrapposti. La loro altezza va da 3 metri fino a 20-30 metri. Secondo alcuni storici i nuraghi erano fortezze militari, secondo altri abitazioni, secondo altri ancora tombe o luoghi sacri. Probabilmente i nuraghi avevano diverse funzioni. La maggior parte dei nuraghi sono costituiti da una sola torre. Altri invece sono composti da più torri unite fra loro da mura. Nei nuraghi abitavano le persone più importanti e i guerrieri, mentre i pastori e i contadini vivevano in villaggi vicini al nuraghe. In caso di pericolo, i nuraghi diventavano un rifugio per gli abitanti dei villaggi.

  •  quaderno p. 10