Una terra, tanti popoli

Storia gli italici Una terra, tanti popoli L’Italia fu abitata fin dalla Preistoria. Il clima mite, le fertili pianure, le ricche sorgenti d’acqua, i boschi rigogliosi, le risorse minerarie la rendevano adatta agli insediamenti umani. La forma allungata della nostra penisola nel Mediterraneo e le numerose baie lungo le coste favorivano i contatti e i commerci con gli altri popoli. La natura montuosa del territorio invece separava le popolazioni. Gli Appennini, che attraversano la penisola da nord a sud, ostacolavano le comunicazioni tra costa adriatica e costa tirrenica e quelle tra le zone di montagna e le regioni pianeggianti vicine. Per questo motivo in zone anche molto vicine tra loro abitavano popoli diversi per origini, abitudini e lingua. Erano pastori e agricoltori e lavoravano il metallo e la ceramica. Vivevano in villaggi di capanne; in alcune zone abitavano in palafitte, che sono capanne appoggiate su pali di legno a circa un metro dal terreno, per proteggersi dall’umidità e dagli animali. SPAZIO E TEMPO Nel II millennio a.C. l’Italia era abitata da popolazioni poco numerose. Dopo il 1000 a.C. altri popoli si stabilirono in Italia: alcuni fondarono colonie, altri si mescolarono con i gruppi già esistenti dando vita a nuove civiltà. Tra il III e il I secolo a.C., tutti questi popoli furono conquistati dai Romani. Dove Quando Colora sulla linea del tempo il periodo delle prime civiltà italiche. Poi rispondi: Quanti secoli sono durate le civiltà italiche? Lavora sul quaderno alle pp. 10-12 Usa le mappe alle pp. 6-7 dell’atlante

Storia

gli italici

Una terra, tanti popoli

L’Italia fu abitata fin dalla Preistoria. Il clima mite, le fertili pianure, le ricche sorgenti d’acqua, i boschi rigogliosi, le risorse minerarie la rendevano adatta agli insediamenti umani. La forma allungata della nostra penisola nel Mediterraneo e le numerose baie lungo le coste favorivano i contatti e i commerci con gli altri popoli.

La natura montuosa del territorio invece separava le popolazioni. Gli Appennini, che attraversano la penisola da nord a sud, ostacolavano le comunicazioni tra costa adriatica e costa tirrenica e quelle tra le zone di montagna e le regioni pianeggianti vicine. Per questo motivo in zone anche molto vicine tra loro abitavano popoli diversi per origini, abitudini e lingua. Erano pastori e agricoltori e lavoravano il metallo e la ceramica. Vivevano in villaggi di capanne; in alcune zone abitavano in palafitte, che sono capanne appoggiate su pali di legno a circa un metro dal terreno, per proteggersi dall’umidità e dagli animali.

SPAZIO E TEMPO

Nel II millennio a.C. l’Italia era abitata da popolazioni poco numerose.
Dopo il 1000 a.C. altri popoli si stabilirono in Italia: alcuni fondarono colonie, altri si mescolarono con i gruppi già esistenti dando vita a nuove civiltà.
Tra il III e il I secolo a.C., tutti questi popoli furono conquistati dai Romani.

Quando

Colora sulla linea del tempo il periodo delle prime civiltà italiche. Poi rispondi:

  •  Quanti secoli sono durate le civiltà italiche?  

  •  Lavora sul quaderno alle pp. 10-12
  •  Usa le mappe alle pp. 6-7 dell’atlante