Filippo II e il regno macedone

Storia i macedoni e l'età ellenistica Filippo II e il regno macedone La Macedonia era una regione montuosa ricca di foreste e di giacimenti di metalli, abitata fin dall’antichità. I Greci consideravano i Macedoni dei “barbari”, rozzi e arretrati, ma avevano rapporti commerciali con loro. I Macedoni erano un popolo che si dedicava soprattutto all’allevamento e al commercio. Il paese era governato da un re, che risiedeva nella città principale, Pella. Nel 359 a.C. salì sul trono Filippo Il, che voleva unire la Grecia e conquistare l’impero persiano. A questo scopo, riformò l’esercito: aumentò il numero dei soldati, li fece addestrare e li fornì di armi nuove, più leggere ed efficaci. Filippo approfittò della debolezza delle pòleis, stremate dalla lunga guerra del Peloponneso e divise tra loro, e, grazie al nuovo esercito, le affrontò e le sconfisse a Cheronea , nel 338 a.C. Filippo non poté completare il suo progetto perché nel 336 a.C. venne assassinato. Fu proclamato re suo figlio Alessandro, che aveva solo 20 anni. SPAZIO E TEMPO La civiltà macedone nacque in una regione a nord della Grecia. Durante il IV secolo a.C. i Macedoni sottomisero tutta la Grecia e poi formarono un impero che andava dal Mediterraneo al fiume Indo. In questo enorme territorio si sviluppò la cultura ellenistica. Tra il II e il I secolo a.C. i territori che facevano parte dell’impero furono conquistati dai Romani. Dove Quando Rileggi il testo e scrivi nei cartellini le date che si riferiscono agli eventi. Lavora sul quaderno alle pp. 7-9 Usa la mappa a p. 5 dell’atlante

Storia

i macedoni e l'età ellenistica

Filippo II e il regno macedone

La Macedonia era una regione montuosa ricca di foreste e di giacimenti di metalli, abitata fin dall’antichità. I Greci consideravano i Macedoni dei “barbari”, rozzi e arretrati, ma avevano rapporti commerciali con loro. I Macedoni erano un popolo che si dedicava soprattutto all’allevamento e al commercio.

Il paese era governato da un re, che risiedeva nella città principale, Pella. Nel 359 a.C. salì sul trono Filippo Il, che voleva unire la Grecia e conquistare l’impero persiano.

A questo scopo, riformò l’esercito: aumentò il numero dei soldati, li fece addestrare e li fornì di armi nuove, più leggere ed efficaci. Filippo approfittò della debolezza delle pòleis, stremate dalla lunga guerra del Peloponneso e divise tra loro, e, grazie al nuovo esercito, le affrontò e le sconfisse a Cheronea , nel 338 a.C.

Filippo non poté completare il suo progetto perché nel 336 a.C. venne assassinato. Fu proclamato re suo figlio Alessandro, che aveva solo 20 anni.

SPAZIO E TEMPO

La civiltà macedone nacque in una regione a nord della Grecia. Durante il IV secolo a.C. i Macedoni sottomisero tutta la Grecia e poi formarono un impero che andava dal Mediterraneo al fiume Indo. In questo enorme territorio si sviluppò la cultura ellenistica. Tra il II e il I secolo a.C. i territori che facevano parte dell’impero furono conquistati dai Romani.

Quando

Rileggi il testo e scrivi nei cartellini le date che si riferiscono agli eventi.

  •  Lavora sul quaderno alle pp. 7-9
  •  Usa la mappa a p. 5 dell’atlante