I reperti ci raccontano…

Storia Le civiltà greca e ellenistica I GreciI reperti ci raccontano... L’alimentazione I Greci mangiavano soprattutto focacce, zuppe di legumi, frutta fresca e secca. Solo i più ricchi mangiavano la carne; invece chi viveva vicino al mare mangiava pesce, crudo o cotto alla brace. Dopo cena, gli uomini adulti delle famiglie più ricche si riunivano nel simposio. Bevevano vino allungato con acqua e mangiavano dolci al miele, formaggi e frutta; facevano giochi, ascoltavano musica e conversavano. L’abbigliamento Gli uomini greci indossavano il chitone, una tunica di stoffa avvolta intorno al corpo. Quello degli uomini più anziani e importanti era lungo fino ai piedi, mentre quello degli uomini che dovevano essere liberi nei movimenti e dei bambini arrivava fino al ginocchio. Le donne portavano il peplo, una tunica lunga fino ai piedi, fermata alla vita da una cintura. Tenevano i capelli lunghi, coperti con una cuffia oppure raccolti in trecce. Le calzature per donne e uomini erano stivaletti di pelle o sandali di cuoio legati alla caviglia con le stringhe. Erano costose, quindi solo i ricchi potevano permettersele.i giochi I bambini fino a 7 anni vivevano con la madre e le altre donne nel gineceo, la parte della casa riservata alle donne e ai bambini piccoli. Avevano giocattoli che per lo più si costruivano da soli: trottole, carrettini da trainare, animaletti di terracotta, bambole snodabili. Praticavano per gioco esercizi di equilibrio, camminavano sui trampoli, usavano il gioco che oggi chiamiamo “yo yo”; i due dischi tenuti insieme da una barretta, erano di legno o metallo o ceramica. Giocavano con gli animali domestici, soprattutto cani e donnole addomesticate, che in casa davano la caccia ai topi.
Storia Le civiltà greca e ellenistica   I GreciI reperti ci raccontano... L’alimentazione I Greci mangiavano soprattutto focacce, zuppe di legumi, frutta fresca e secca. Solo i più ricchi mangiavano la carne; invece chi viveva vicino al mare mangiava pesce, crudo o cotto alla brace. Dopo cena, gli uomini adulti delle famiglie più ricche si riunivano nel simposio. Bevevano vino allungato con acqua e mangiavano dolci al miele, formaggi e frutta; facevano giochi, ascoltavano musica e conversavano. L’abbigliamento Gli uomini greci indossavano il chitone, una tunica di stoffa avvolta intorno al corpo. Quello degli uomini più anziani e importanti era lungo fino ai piedi, mentre quello degli uomini che dovevano essere liberi nei movimenti e dei bambini arrivava fino al ginocchio. Le donne portavano il peplo, una tunica lunga fino ai piedi, fermata alla vita da una cintura. Tenevano i capelli lunghi, coperti con una cuffia oppure raccolti in trecce. Le calzature per donne e uomini erano stivaletti di pelle o sandali di cuoio legati alla caviglia con le stringhe. Erano costose, quindi solo i ricchi potevano permettersele.i giochi I bambini fino a 7 anni vivevano con la madre e le altre donne nel gineceo, la parte della casa riservata alle donne e ai bambini piccoli. Avevano giocattoli che per lo più si costruivano da soli: trottole, carrettini da trainare, animaletti di terracotta, bambole snodabili. Praticavano per gioco esercizi di equilibrio, camminavano sui trampoli, usavano il gioco che oggi chiamiamo “yo yo”; i due dischi tenuti insieme da una barretta, erano di legno o metallo o ceramica. Giocavano con gli animali domestici, soprattutto cani e donnole addomesticate, che in casa davano la caccia ai topi.