Basilicata

Geografia Le regioni d'Italia Basilicata Basilicata Superficie: 9 995 km2 Abitanti: 573 694 Densità: 57 ab/km2 Capoluogo e città principali: Potenza , Matera IL TERRITORIO TERRITORIO La Basilicata è una regione poco estesa dell’Italia meridionale. Il territorio è prevalentemente montuoso e collinare. Nella zona occidentale si staglia l’Appennino Lucano. Il Pollino, al confine con la Calabria, è il massiccio più alto. A nord si trova il Monte Vulture, costituito da un vulcano spento. Nei suoi crateri si sono formati i due Laghi di Monticchio. Alcuni laghi artificiali sono usati come bacini idrici per l’irrigazione. Il paesaggio sui rilievi è caratterizzato da vasti boschi, poco abitati dall’uomo. Verso est le montagne lasciano spazio alle colline. Alcune hanno forme particolari: nelle loro pareti argillose la pioggia ha scavato calanchi, cioè solchi stretti e profondi. Il paesaggio qui è piuttosto brullo e soggetto a frane. A sud-est si trova la Piana di Metaponto , la principale zona pianeggiante. È una pianura alluvionale, formatasi dai detriti portati dai fiumi; la zona è infatti attraversata dai principali fiumi della regione: il Bradano, il Basento, l’Agri e il Sinni, che scorrono paralleli. La Basilicata ha due distinti tratti di coste. Il più breve si trova a sud-ovest e si affaccia sul Mar Tirreno . Qui la costa è alta e rocciosa, ricca di insenature. La costa più estesa si trova a sud-est, sul Mar Ionio , ed è caratterizzata da spiagge basse, lineari e sabbiose. A causa della diversità degli ambienti, la regione ha una grande varietà di paesaggi; fauna e flora sono ricche e diversificate. Anche il clima è piuttosto vario: risente dell’influsso del mare sulle coste, ma nell’interno è rigido in inverno. Potenza, il capoluogo, è una delle città più fredde d’Italia. Sapevi che… Il metapontino è l’area più ricca della regione e la più densamente popolata. è denominata la “California d’Italia” per le sue coltivazioni intensive ortofrutticole di ogni genere. In particolare il metapontino è famoso per le fragole. Le coltivazioni ortofrutticole. I Laghi di Monticchio formati sui crateri di un vulcano spento. POPOLAZIONE E ATTIVITÀ La Basilicata è scarsamente abitata; la popolazione si concentra nelle città dell’interno e sulle coste. I piccoli comuni montani e dell’interno stanno vivendo un lento spopolamento: i loro abitanti si spostano nelle città o in altre regioni in cerca di lavoro. Alcuni paesi si sono spopolati a causa di fenomeni naturali come frane e terremoti. Il settore primario, nonostante le zone interne non siano coltivate intensamente, è ben sviluppato. La zona più fertile e produttiva è la Piana del Metaponto. Si coltivano cereali, e soprattutto frutta e ortaggi. Sono diffuse anche le coltivazioni di ulivi e viti. L’allevamento è prevalentemente ovino, caprino e suino. Nella Val d’Agri si trova il più grande giacimento di petrolio dell’Europa continentale. Le attività estrattive di petrolio e metano sono legate a importanti stabilimenti petrolchimici. Nella regione ci sono inoltre industrie metalmeccaniche, chimiche, tessili, edili e alimentari. Un importante impianto automobilistico della FIAT si trova a Melfi. Le principali attività artigianali sono la lavorazione di rame, ferro e legno e la produzione di terrecotte e ceramiche. Nonostante le vie di comunicazione carenti, il turismo è in via di sviluppo e interessa soprattutto le zone costiere e i centri storici; Matera è la meta che attira maggiormente i visitatori grazie ai suoi “Sassi”, cioè case scavate nella roccia. Matera, soprannominata la "Città dei Sassi". Le tavole palatine dell’area archeologica di Metaponto. Completa la carta muta e studia la regione sul quaderno a p. 44

Geografia

Le regioni d'Italia   Basilicata

Basilicata

TERRITORIO

La Basilicata è una regione poco estesa dell’Italia meridionale. Il territorio è prevalentemente montuoso e collinare. Nella zona occidentale si staglia l’Appennino Lucano. Il Pollino, al confine con la Calabria, è il massiccio più alto. A nord si trova il Monte Vulture, costituito da un vulcano spento. Nei suoi crateri si sono formati i due Laghi di Monticchio. Alcuni laghi artificiali sono usati come bacini idrici per l’irrigazione. Il paesaggio sui rilievi è caratterizzato da vasti boschi, poco abitati dall’uomo.

Verso est le montagne lasciano spazio alle colline. Alcune hanno forme particolari: nelle loro pareti argillose la pioggia ha scavato calanchi, cioè solchi stretti e profondi. Il paesaggio qui è piuttosto brullo e soggetto a frane.

A sud-est si trova la Piana di Metaponto , la principale zona pianeggiante. È una pianura alluvionale, formatasi dai detriti portati dai fiumi; la zona è infatti attraversata dai principali fiumi della regione: il Bradano, il Basento, l’Agri e il Sinni, che scorrono paralleli.

La Basilicata ha due distinti tratti di coste. Il più breve si trova a sud-ovest e si affaccia sul Mar Tirreno . Qui la costa è alta e rocciosa, ricca di insenature. La costa più estesa si trova a sud-est, sul Mar Ionio , ed è caratterizzata da spiagge basse, lineari e sabbiose.

A causa della diversità degli ambienti, la regione ha una grande varietà di paesaggi; fauna e flora sono ricche e diversificate. Anche il clima è piuttosto vario: risente dell’influsso del mare sulle coste, ma nell’interno è rigido in inverno. Potenza, il capoluogo, è una delle città più fredde d’Italia.

POPOLAZIONE E ATTIVITÀ

La Basilicata è scarsamente abitata; la popolazione si concentra nelle città dell’interno e sulle coste. I piccoli comuni montani e dell’interno stanno vivendo un lento spopolamento: i loro abitanti si spostano nelle città o in altre regioni in cerca di lavoro. Alcuni paesi si sono spopolati a causa di fenomeni naturali come frane e terremoti.

Il settore primario, nonostante le zone interne non siano coltivate intensamente, è ben sviluppato. La zona più fertile e produttiva è la Piana del Metaponto. Si coltivano cereali, e soprattutto frutta e ortaggi. Sono diffuse anche le coltivazioni di ulivi e viti. L’allevamento è prevalentemente ovino, caprino e suino.

Nella Val d’Agri si trova il più grande giacimento di petrolio dell’Europa continentale. Le attività estrattive di petrolio e metano sono legate a importanti stabilimenti petrolchimici. Nella regione ci sono inoltre industrie metalmeccaniche, chimiche, tessili, edili e alimentari. Un importante impianto automobilistico della FIAT si trova a Melfi. Le principali attività artigianali sono la lavorazione di rame, ferro e legno e la produzione di terrecotte e ceramiche.

Nonostante le vie di comunicazione carenti, il turismo è in via di sviluppo e interessa soprattutto le zone costiere e i centri storici; Matera è la meta che attira maggiormente i visitatori grazie ai suoi “Sassi”, cioè case scavate nella roccia.

Completa la carta muta e studia la regione sul quaderno a p. 44