La trasmissione dei messaggi

Tecnologia Tecnologia Le telecomunicazioni La trasmissione dei messaggi Una delle tappe più importanti per la comunicazione è stata l’invenzione della scrittura, circa 5000 anni fa. Utilizzando la scrittura è stato possibile trasmettere tutte le conoscenze accumulate nel tempo e comunicare anche su lunghe distanze. Con il tempo i mezzi di comunicazione sono diventati sempre più efficaci e oggi la tecnologia permette delle comunicazioni quasi in tempo reale da un lato all’altro del pianeta. Le telecomunicazioni “via cavo” Nel XIX secolo furono inventati il telegrafo e il telefono, che rivoluzionarono il modo di comunicare. Il telegrafo fu inventato dall’americano Samuel Morse nel 1837, per trasmettere messaggi in codice attraverso gli impulsi elettrici: da una macchina trasmettente a una ricevente, i messaggi viaggiavano su cavi elettrici. Quando arrivavano all’apparecchio ricevente, i messaggi erano trasformati in suoni lunghi o corti: il suono lungo significava linea, quello corto significava punto. I messaggi erano poi decifrati e tradotti in lettere dal telegrafista. Nel 1871 l’italiano Antonio Meucci inventò un apparecchio che utilizzava lo stesso principio del telegrafo: trasformava i suoni in impulsi elettrici (dall’apparecchio emittente e poi di nuovo in suoni all’apparecchio ricevente). La stessa idea fu poi ripresa da Alexander Bell cinque anni più tardi: nacque il telefono. Da quel momento si cercò di far viaggiare questi impulsi elettrici su distanze sempre più lunghe. Vennero utilizzati cavi di materiali che conducevano elettricità, per esempio il rame, appoggiati su lunghe file di pali o sui fondali del mare. Lungo questi cavi vennero installati dei ripetitori che facevano in modo che il segnale non si indebolisse nel tragitto. Scopro le scienze confronto immagini Osserva un telefono in uso nei decenni passati e uno smartphone moderno. Che cosa puoi dire dell’evoluzione di questo apparecchio? Gli Egizi per comunicare a distanza utilizzavano il piccione viaggiatore (a partire da 3000 anni fa). Il piccione viaggiatore è rimasto un mezzo di comunicazione efficiente fino all’invenzione del telegrafo e del telefono. Il messaggio era legato alla zampa del piccione che veniva liberato e tornava alla base seguendo "la strada di casa". quaderno p. 192
Tecnologia Tecnologia   Le telecomunicazioni La trasmissione dei messaggi Una delle tappe più importanti per la comunicazione è stata l’invenzione della scrittura, circa 5000 anni fa. Utilizzando la scrittura è stato possibile trasmettere tutte le conoscenze accumulate nel tempo e comunicare anche su lunghe distanze. Con il tempo i mezzi di comunicazione sono diventati sempre più efficaci e oggi la tecnologia permette delle comunicazioni quasi in tempo reale da un lato all’altro del pianeta. Le telecomunicazioni “via cavo” Nel XIX secolo furono inventati il telegrafo e il telefono, che rivoluzionarono il modo di comunicare. Il telegrafo fu inventato dall’americano Samuel Morse nel 1837, per trasmettere messaggi in codice attraverso gli impulsi elettrici: da una macchina trasmettente a una ricevente, i messaggi viaggiavano su cavi elettrici. Quando arrivavano all’apparecchio ricevente, i messaggi erano trasformati in suoni lunghi o corti: il suono lungo significava linea, quello corto significava punto. I messaggi erano poi decifrati e tradotti in lettere dal telegrafista. Nel 1871 l’italiano Antonio Meucci inventò un apparecchio che utilizzava lo stesso principio del telegrafo: trasformava i suoni in impulsi elettrici (dall’apparecchio emittente e poi di nuovo in suoni all’apparecchio ricevente). La stessa idea fu poi ripresa da Alexander Bell cinque anni più tardi: nacque il telefono. Da quel momento si cercò di far viaggiare questi impulsi elettrici su distanze sempre più lunghe. Vennero utilizzati cavi di materiali che conducevano elettricità, per esempio il rame, appoggiati su lunghe file di pali o sui fondali del mare. Lungo questi cavi vennero installati dei ripetitori che facevano in modo che il segnale non si indebolisse nel tragitto. Scopro le scienze confronto immagini Osserva un telefono in uso nei decenni passati e uno smartphone moderno. Che cosa puoi dire dell’evoluzione di questo apparecchio? Gli Egizi per comunicare a distanza utilizzavano il piccione viaggiatore (a partire da 3000 anni fa). Il piccione viaggiatore è rimasto un mezzo di comunicazione efficiente fino all’invenzione del telegrafo e del telefono. Il messaggio era legato alla zampa del piccione che veniva liberato e tornava alla base seguendo "la strada di casa".  quaderno p. 192