La città di Micene

Storia Le civiltà del Mediterraneo I Micenei La città di Micene Micene era costruita su un’altura, a 300 metri di altezza e circondata da colossali mura in pietra. Dal colle su cui sorgeva Micene si vedeva la valle fino al mare, ma dal mare la città era invisibile. In questo modo le guardie potevano controllare dalle mura chi si avvicinava alla città senza essere viste e i guerrieri potevano piombare sul nemico rapidamente. Scopro la storia Leggo l’immagine Con l’aiuto della foto e della ricostruzione spiega com’era costruita la città di Micene. Una foto aerea dei resti della città di Micene. 1 Le mura erano così gigantesche che, secondo la leggenda, erano opera dei Ciclopi, mitici giganti. 2 All’interno delle mura, intorno al palazzo, c’erano i magazzini, i granai e le botteghe degli artigiani. 3 Fuori dalle mura, nelle campagne, vivevano i contadini, i pastori e gli schiavi che lavoravano le terre. 4 Il palazzo reale sorgeva nella parte più alta della città, chiamata acropoli. Qui risiedevano il re e i nobili. Era il centro della vita e della società micenea. Comprendeva il megaron, una grande sala dove si svolgevano le cerimonie alla presenza del re. 5 Dalla Porta dei Leoni entravano i cavalli e i carri da guerra, che hanno lasciato in terra tracce ancora oggi visibili nei resti della città. 6 Una rupe naturale rendeva molto difficile la scalata verso le mura. 7 Le tombe a fossa dei primi re. Sapevi che… Oggi si possono visitare i resti di Micene su una collina brulla. Micene aveva dimensioni ridotte rispetto alle città di oggi. Nonostante fosse potente, aveva pochi abitanti. Il palazzo reale aveva stanze piccole e comunicanti. La Porta dei Leoni.
Storia Le civiltà del Mediterraneo   I Micenei La città di Micene Micene era costruita su un’altura, a 300 metri di altezza e circondata da colossali mura in pietra. Dal colle su cui sorgeva Micene si vedeva la valle fino al mare, ma dal mare la città era invisibile. In questo modo le guardie potevano controllare dalle mura chi si avvicinava alla città senza essere viste e i guerrieri potevano piombare sul nemico rapidamente. Scopro la storia Leggo l’immagine Con l’aiuto della foto e della ricostruzione spiega com’era costruita la città di Micene. Una foto aerea dei resti della città di Micene. 1 Le mura erano così gigantesche che, secondo la leggenda, erano opera dei Ciclopi, mitici giganti. 2 All’interno delle mura, intorno al palazzo, c’erano i magazzini, i granai e le botteghe degli artigiani. 3 Fuori dalle mura, nelle campagne, vivevano i contadini, i pastori e gli schiavi che lavoravano le terre. 4 Il palazzo reale sorgeva nella parte più alta della città, chiamata acropoli. Qui risiedevano il re e i nobili. Era il centro della vita e della società micenea. Comprendeva il megaron, una grande sala dove si svolgevano le cerimonie alla presenza del re. 5 Dalla Porta dei Leoni entravano i cavalli e i carri da guerra, che hanno lasciato in terra tracce ancora oggi visibili nei resti della città. 6 Una rupe naturale rendeva molto difficile la scalata verso le mura. 7 Le tombe a fossa dei primi re. Sapevi che… Oggi si possono visitare i resti di Micene su una collina brulla. Micene aveva dimensioni ridotte rispetto alle città di oggi. Nonostante fosse potente, aveva pochi abitanti. Il palazzo reale aveva stanze piccole e comunicanti. La Porta dei Leoni.