Le attività

Storia Gli Assiri Le attività Quando si stabilirono in Mesopotamia, gli Assiri si dedicarono soprattutto all’agricoltura, all’allevamento, alla caccia e alla pesca. Le terre tra i fiumi Tigri ed Eufrate erano fertili grazie ai canali costruiti da Sumeri e Babilonesi, e a nord si potevano raggiungere facilmente le montagne ricche di metalli. Così gli Assiri potevano scambiare prodotti agricoli e artigianali con materie prime che non si trovavano in Mesopotamia: piombo, ferro, stagno, rame, pietre preziose. Gli Assiri vennero in contatto con altri popoli, impararono a lavorare il ferro e i fabbri assiri divennero molto esperti. Costruivano armi ma anche aratri e altri attrezzi per i lavori agricoli. Il commercio diventò una delle principali attività di questo popolo. Ma in seguito un’altra attività diventò più importante: la guerra di conquista. Gli Assiri iniziarono prima con brevi attacchi nei territori confinanti, poi con guerre vere e proprie. Le città conquistate venivano distrutte. Tutte le ricchezze venivano depredate; gli abitanti erano trasferiti in Mesopotamia e resi schiavi. La guerra divenne così per gli Assiri la maggiore fonte di ricchezza. Spazio e tempo Gli Assiri erano un popolo nomade e si stabilirono nel nord della Mesopotamia verso il 1950 a.C. Intorno al 1150 a.C. gli Assiri invasero le terre dei Babilonesi; nei secoli successivi crearono un grande impero che raggiungeva il Mar Mediterraneo e l’Egitto settentrionale. Nel 612 a.C. alcuni popoli conquistati si ribellarono, distrussero la capitale Ninive e l’impero assiro crollò. Dove Quando Osserva la linea del tempo: è stato colorato il periodo delle espansioni degli Assiri. Tra quali secoli è compreso questo periodo? Poi scrivi le didascalie adatte per le date indicate. Lavora sul quaderno alle pp. 187-188, 190 Usa la mappa a p. 225 dell’atlante
Storia Gli Assiri Le attività Quando si stabilirono in Mesopotamia, gli Assiri si dedicarono soprattutto all’agricoltura, all’allevamento, alla caccia e alla pesca. Le terre tra i fiumi Tigri ed Eufrate erano fertili grazie ai canali costruiti da Sumeri e Babilonesi, e a nord si potevano raggiungere facilmente le montagne ricche di metalli. Così gli Assiri potevano scambiare prodotti agricoli e artigianali con materie prime che non si trovavano in Mesopotamia: piombo, ferro, stagno, rame, pietre preziose. Gli Assiri vennero in contatto con altri popoli, impararono a lavorare il ferro e i fabbri assiri divennero molto esperti. Costruivano armi ma anche aratri e altri attrezzi per i lavori agricoli. Il commercio diventò una delle principali attività di questo popolo. Ma in seguito un’altra attività diventò più importante: la guerra di conquista. Gli Assiri iniziarono prima con brevi attacchi nei territori confinanti, poi con guerre vere e proprie. Le città conquistate venivano distrutte. Tutte le ricchezze venivano depredate; gli abitanti erano trasferiti in Mesopotamia e resi schiavi. La guerra divenne così per gli Assiri la maggiore fonte di ricchezza. Spazio e tempo Gli Assiri erano un popolo nomade e si stabilirono nel nord della Mesopotamia verso il 1950 a.C. Intorno al 1150 a.C. gli Assiri invasero le terre dei Babilonesi; nei secoli successivi crearono un grande impero che raggiungeva il Mar Mediterraneo e l’Egitto settentrionale. Nel 612 a.C. alcuni popoli conquistati si ribellarono, distrussero la capitale Ninive e l’impero assiro crollò. Dove Quando Osserva la linea del tempo: è stato colorato il periodo delle espansioni degli Assiri. Tra quali secoli è compreso questo periodo? Poi scrivi le didascalie adatte per le date indicate.  Lavora sul quaderno alle pp. 187-188, 190  Usa la mappa a p. 225 dell’atlante