Cittadinanza attiva • Cibi diversi per luoghi diversi

Cittadinanza attiva Cibi diversi per luoghi diversi Probabilmente tra i tuoi compagni di classe c’è chi mangia in modo un po’ diverso dal tuo. Qualcuno, ad esempio, può aver scelto di non mangiare carne, qualcun altro ha come piatto forte il riso, cucinato e condito in maniere diverse da quelle a cui sei abituato. La colazione di John La prima colazione inglese, “English breakfast”, è molto ricca, mentre pranzo e cena non sono abbondanti. Può prevedere tè, succo d’arancia, uova cucinate all’occhio di bue, strapazzate o in camicia con pancetta (bacon), pomodori, pane tostato, prosciutto, salsiccia e una bella tazza di porridge (zuppa di avena) o di latte con cereali. Il pranzo di Ivan Nei giorni di festa, a pranzo, in Ucraina mangiano i “pirozki” (una sorta di ravioli fritti o cotti al forno con ripieno di carne) e il caviale, che si gusta su una fetta di pane e burro. Poi arrivano il “borsc”, ossia una minestra di verdura con la smetana (una panna acidula), il “kijevskij kotlet” che è una cotoletta di carne di pollo impanata con contorno di patate e verdure e, per finire, il “morozenoe”, il gelato. Il pranzo di Amina Il pasto di mezzogiorno, in Marocco, è il principale: inizia con una serie di insalate calde e fredde e prosegue con il piatto più sostanzioso: il couscous o le Tajines. Il couscous, ossia granelli di semola cotti al vapore, è servito con carni di pollo o agnello e verdure. Le Tajines sono pietanze di carni o pesci stufati assieme alle verdure. Il dessert più comune che può essere servito è il “kaab el ghzal” (corni di gazzelle), un dolce farcito con la pasta di mandorla e zucchero. Un bicchiere di tè alla menta dolce è spesso usato per concludere il pasto.
Cittadinanza attiva Cibi diversi per luoghi diversi Probabilmente tra i tuoi compagni di classe c’è chi mangia in modo un po’ diverso dal tuo. Qualcuno, ad esempio, può aver scelto di non mangiare carne, qualcun altro ha come piatto forte il riso, cucinato e condito in maniere diverse da quelle a cui sei abituato. La colazione di John La prima colazione inglese, “English breakfast”, è molto ricca, mentre pranzo e cena non sono abbondanti. Può prevedere tè, succo d’arancia, uova cucinate all’occhio di bue, strapazzate o in camicia con pancetta (bacon), pomodori, pane tostato, prosciutto, salsiccia e una bella tazza di porridge (zuppa di avena) o di latte con cereali. Il pranzo di Ivan Nei giorni di festa, a pranzo, in Ucraina mangiano i “pirozki” (una sorta di ravioli fritti o cotti al forno con ripieno di carne) e il caviale, che si gusta su una fetta di pane e burro. Poi arrivano il “borsc”, ossia una minestra di verdura con la smetana (una panna acidula), il “kijevskij kotlet” che è una cotoletta di carne di pollo impanata con contorno di patate e verdure e, per finire, il “morozenoe”, il gelato. Il pranzo di Amina Il pasto di mezzogiorno, in Marocco, è il principale: inizia con una serie di insalate calde e fredde e prosegue con il piatto più sostanzioso: il couscous o le Tajines. Il couscous, ossia granelli di semola cotti al vapore, è servito con carni di pollo o agnello e verdure. Le Tajines sono pietanze di carni o pesci stufati assieme alle verdure. Il dessert più comune che può essere servito è il “kaab el ghzal” (corni di gazzelle), un dolce farcito con la pasta di mandorla e zucchero. Un bicchiere di tè alla menta dolce è spesso usato per concludere il pasto.